martedì 11 aprile 2017

2 Aprile 2017 - Maratona di Roma

Per quanto si potesse pensare a una gara dura, per quanto si potesse essere preparati ad affrontarla, la realtá é stata sicuramente peggiore. Chi aveva partecipato a questa splendida maratona aveva raccontato dei saliscendi e dei tratti in pavé, affrontarli con la pioggia e con sopravvenuti problemi fisici ha contribuito a dare a questa gara dei contorni di epicitá. Ma come sempre andiamo con ordine. Arrivo a Roma il Venerdí, e mi godo la cittá a 360 gradi complice una fantastica giornata di Primavera.
L'expo della maratona allestito al quartiere Eur, nemmeno troppo affollato, mi permette di entrare quasi subito in clima gara. Scambio in inglese un paio di battute con un indiano sui nostri rispettivi "goal", obiettivi, nel tragitto che dalla metropolitana porta al Palazzo dei Congressi ove é allestito il Marathon Village. Ci ritorneró anche Sabato per accompagnare l'amico Piero nonché compagno di squadra, la cui presenza assieme ad Elisa, ha reso meno malinconica la mia permanenza a Roma soprattutto nel post-gara.
La partenza é fissata alle ore 8.50. Questo presuppone la sveglia all'alba. Sono ospite di un bed & breakfast nella zona di Furio Camillo, vicino alla fermata della metropolitana. L'appuntamento con Piero é alle 7 a Roma Termini. La giornata é piovosa ma almeno per il momento concede una tregua anche se all'orizzonte il cielo é nerissimo. La stazione della metropolitana del Colosseo, nell'immediata vicinanza della partenza é chiusa, questo per obbligare i partecipanti a transitare per un percorso ben definito in piena sicurezza, in modo ordinato, partendo dal Circo Massimo, percorrendo via di San Gregorio, girando attorno al Colosseo per via Celio Vibenna e giungendo in Piazza del Colosseo dove sono posti i camion per il deposito borse. L'organizzazione é buona, niente da dire, bisogna pur sempre considerare che ci sono 16000 iscritti, che il tempo limite di 7h 30m permetterá di tagliare il traguardo a 13300 persone, una macchina impressionante che peró qualche criticitá l'ha evidenziata. La mancanza di adeguati ripari soprattutto all'arrivo sotto la pioggia ha costretto i piú a percorrere oltre 2 km dopo il traguardo per recuperare le borse e cambiarsi nella stazione della metropolitana di Circo Massimo. Depositate le borse ci inquadriamo alle 8.30. Siamo entrambi, io e Piero, nel gruppo C, lui perché alla prima maratona, io perché con i miei tempi precedenti non sono mai stato sotto le 4h 10m. L'obiettivo per questa gara é stare sotto le 4h, la lunga preparazione é stata fatta in funzione di questo, anzi secondo calcoli spicci si potrebbe pensare a qualcosina meno, 3h 55m, anche 3h 50m.
Ma che le cose andranno diversamente lo si é capito da subito. Un minuto prima della partenza comincia a piovere. A dirotto. Non si vede quasi nulla. E sará cosí per i primi, lunghissimi, 12 km. La partenza esattamente all'altezza del Foro Traiano, in qualsiasi altro momento, sarebbe stato da cartolina, come da cartolina sarebbe stato il passaggio seguente all' Altare della Patria, invece intruppato in mezzo a migliaia di atleti lenti e sotto una pioggia battente, di indimenticabile c'é ben poco. Il primo km a 5.53 dice tutto. Mille pensieri passano per la testa mentre la casacca sociale ed i manicotti ben saldi alla maglia tecnica sono giá inzuppati. La cosa che piú temo in questo momento sono i sampietrini che con l'acqua somigliano a cubetti di ghiaccio e le buche coperte dall'acqua. Riesco zigzagando a trovare finalmente il mio ritmo. Secondo km a 5.38 poi 2 km a 5.21. Non riesco nemmeno piú di tanto a godere dello spettacolo che questa splendida cittá offre, troppo impegnato ad evitare le pozzanghere che con tutti i km davanti potrebbero causare ulteriori problemi. Noto giá il classico scostamento tra il mio crono e quello di segnalazione kilometrico della gara. Al momento é di circa un centinaio di metri. Passo ai 5 km in 27m 33s. Ritmo discreto, speravo in un minutino in meno, ma date le condizioni climatiche ed il percorso va benissimo cosí. Il tour romano prosegue su via Baldelli, viale Marconi, ed il primo ponte sul Tevere, prima di immettersi per circa un paio di km sul lungotevere. I parziali ormai sono consolidati, tutti tra i 5.20 e i 5.30. Firmerei per portare a casa questa gara con questi tempi. C'é inoltre da dire che qualche problemino fisico nella settimana precedente la gara c'é stato, prima un piede, poi l'altro, poi una caviglia. Al via comunque stavo bene ed ora che di km ne sono passati 10 le cose vanno per il meglio anche se in una maratona i conti si fanno dopo il km 30. Passaggio al km 10, 54m 53s, tutto sommato accettabile. Verso il km 12 dopo aver superato il ponte Testaccio e aver raggiunto il Lungotevere Aventino la pioggia ha concesso un break, un attimo di respiro. Sará stato questo, forse, a distrarmi quel tanto da farmi mettere il piede in fallo. Per evitare gli schizzi di un atleta davanti scarto lateralmente ma non mi accorgo di una pozzanghera che copre una buca. Il piede destro ci finisce dentro interamente e sento l'acqua ovunque. Spero non accada quello che purtroppo una decina di km dopo accadrá. Ora é tutto lungotevere fino al km 16 e passo al km 15 in 1.22.17, piú o meno ritmo costante dall'inizio. Dopo il Ponte Cavour un paio di km ad introdurre quello che é, a mio avviso, il passaggio piú suggestivo della gara intera. Prima via della Trapontina con alla sinistra Castel Sant'Angelo e poi via della Conciliazione fino a San Pietro. Saranno le centinaia di persone assiepate ai lati della strada, sará la bellezza assolutamente incantevole della piazza, mi ritrovo per alcuni istanti a non pensare piú né al ritmo né al mio piede inzuppato. Penso solo a quanto sono fortunato oggi a poter correre in tanta bellezza e ad avere Roma per un giorno tutta per me, e di pochi altri 16000. Il percorso prosegue nel quartiere Prati, si passa viale Giulio Cesare, via Lepanto, via delle Milizie, via della Giuliana fino a Piazzale Clodio dove é situato il passaggio della mezza maratona. Siamo attorno all'1h 56m. In una gara ideale sarebbe stato buono arrivarci con qualche minuto in meno ma va bene cosí. Se non ci saranno problemi staró tranquillamente sotto le 4h. Se non ci saranno problemi... Ma adesso inizia l'altra gara. Quando si dice che una maratona non é semplicemente fare una mezza due volte. Il piede bagnato a cui non avevo pensato per parecchi km, tanto da farmi illudere fosse asciutto, ha presentato il conto. Vesciche. Anche se il riscontro cronometrico dei passaggi successivi é incoraggiante al ristoro del km 25 mi fermo qualche secondo in piú. Finora avevo sempre preso qualcosa a tutti i ristori ma senza fermarmi, ora il piede comincia a fare male. Il dolore é sempre sopportabile ma probabilmente ne risente la postura che incide non poco sull'economia di gara. Al km 25 dopo aver percorso un altro bel tratto di Lungotevere e prima di imboccare il ponte Duca d'Aosta transito in 2h 17m 37s. Altro pezzo di Lungotevere fino a via dei Campi Sportivi, si lambisce il lussuoso Quartiere Parioli e si gira attorno al Parco di Villa Glori. É il km 30. La vescica fa male. La maratona inizia dopo il km 30. É sempre cosí, ma psicologicamente anche se manca ancora un'infinitá comincia a farsi largo la convinzione che la finirai. Forse é con questa convinzione che corro il km 30, che risulterá alla fine il piú veloce di tutta la mia gara, in 5.12. Siamo a 2h 44m 55s. Tutto sommato un tempo accettabile, nelle previsioni potevano essere forse 4/5 minuti in meno ma il percorso e soprattutto il meteo che da qualche km ha cominciato a dare di nuovo il peggio di sé, non mi avrebbero permesso di fare meglio. La sosta al km 30 é piú lunga delle precedenti, ne approfitto per bere un po' piú tranquillamente ma soprattutto per sollevare il piede destro martoriato dalla vescica. I km passano inesorabili, 31-32-33, si passa il Quartiere Flaminio e si percorre il Lungotevere in Augusta. Km 35. 3h 13m 04s. Da qui inizia l'altra gara. Quella della sofferenza, della tenacia, della Maratona nel suo unico ed inarrivabile fascino. Che ti logora e ti ammalia. Senza aver archiviato il dolore al piede provocato dalle vesciche, sí perché mi sono accorto che il fastidio é in due punti distinti del piede, sento tirare leggermente il quadricipite, segno inequivocabile dell'arrivo di lí a poco, degli spiacevolissimi crampi. Mancano 7 km, anzi 7,5 perché nel frattempo lo scostamento tra il mio crono e le tabelle di segnalazione kilometriche é aumentato a circa 300 metri. Saranno i 7 km piú lunghi della mia vita. Decido di rallentare, cosí da placare la rabbia dei muscoli, si passa via Monte Brianzo e via Zanardelli prima di arrivare nella splendida cornice di Piazza Navona. I passaggi dei km 36-37 e 38 non sono incoraggianti 6.26, 6.34 e 6.01. Mancano poco piú di 4 km, i crampi sono arrivati.
É bastato rallentare un po' per placarli ma sono lí ormai pronti ad aggredire come un coltello ad ogni minima accelerazione. 3h 32m 05s piú altri 300m da fare per quel maledettissimo scostamento cronometrico che potrebbe fare la differenza. Il km 39 mi dá nuove speranze, anche se la corsa ha perso da tempo fluiditá, le vesciche nemmeno le sento piú visto che ho i piedi anestetizzati dai sampietrini, l'unico problema sono i crampi. Via del Corso, piazza del Popolo con l'Obelisco Flaminio, via del Babbuino, km 40 a 6.15, 3h 44m 03s. 15 minuti. 15 minuti e 56 secondi per la precisione. Devo fare 2,5 km. Si passa il traforo Umberto I. Un dolore acuto, fortissimo, una coltellata nella gamba sembra celebrare la mia resa. In qualsiasi altra circostanza avrei solo pensato a finire la gara camminando, anche strisciando se fosse servito, visto che la parola ritiro non la voglio conoscere, ma oggi per stare sotto le 4 ore bisognerá correre ancora un po'. Un atleta che mi segue mi dá una pacca sulla spalla e mi grida "C'mon, it's finished" o forse é solo la mia immaginazione a sentirlo. Mi fermo contro le transenne mentre sfilano i pacer delle 4h, una sensazione di sconforto simile a quella che devono provare i ciclisti in fuga quando vengono ripresi all'ultimo km mi pervade. Km 41 in 6m 42s. 3h 50m 46s. Manca 1,5 km. Via Nazionale, via IV Novembre, anche il polpaccio destro decide quasi per fare da contraltare alla gamba sinistra di manifestare il suo disappunto e cosí si arriva al km 42 in 6.13 a 3h 56m 59s in piena crisi di tutto. Ma non di fiato e non di gambe. Senza i crampi avrei potuto correre per altri 10, forse 20 km, la tabella di Massini che ho seguito ha dimostrato di essere valida. E allora chiudo gli occhi. Mancano 500 m. A occhio. Ce la posso fare, ma devo fare questi ultimi 500 m semplicemente correndo. Cerco di tenere le gambe il piú dritto possibile, donando alla mia corsa uno stile ridicolo che prego Iddio non venga immortalato da nessuna videocamera; l'arrivo é in leggera discesa, una manna, piazza Venezia, Altare della Patria, Fori Imperiali, 200m, 100m, finita... Finita. Fermo il mio crono prima di vedere quello ufficiale 3h 59m 18s. Quello ufficiale sará di 3h 59m 14s. Ritiro la medaglia sotto una pioggia torrenziale, mi danno una mantellina di cellophane e il pacco ristoro ma sono assente. Mi butto contro le transenne, mi viene da piangere dalla stanchezza, ho i conati di vomito e tremori di freddo. Sento che potrei svenire da un momento all'altro e sento di essere andato ben oltre i miei limiti quest'oggi. Se la maratona doveva servire a conoscere quali questi limiti fossero, oggi ne ho davvero ricevuto riscontro. Mi ci vorranno parecchi minuti per riprendermi e contattare Piero, che alla sua prima maratona ha centrato un incredibile 3.23 e a cui vanno le mie migliori congratulazioni visto che con la sua umiltá le merita tutte, per poi festeggiare assieme la conquista della Capitale. Una fatica immane che ho pagato nelle settimane a seguire con una contrattura ed una mezza bronchite, ma questa é la Maratona. Ti strema e ti ammalia...Alla prossima...

5 Marzo 2017 - Maratonina di Gorizia

Dopo molto tempo torno a scrivere di corsa. In veritá l'attivitá del running non si é mai fermata, gli allenamenti si sono succeduti forse piú intensamente che mai visto che alle porte c'é la Maratona di Roma con tutto il suo fascino di grande Capitale, della Capitale per eccellenza, e degli oltre 12000 attori protagonisti. Mi sono solo "riposato" un po' dalle gare. La Maratona di Monaco e la sua preparazione mi avevano fiaccato fisicamente e nella testa e dopo la Mezza di Palmanova la necessitá di staccare un po' dall'intensitá di gara é stata quanto meno fondamentale. Ma le idee non si sono fermate, sta prendendo vita il sogno, quel sogno di ragazzo, quella Maratona che non é una Maratona, é LA MARATONA. New York. Fatta l'iscrizione, non resta che contare i giorni. Ci sará tempo, tanto tempo, per raccontarne. Fino ad allora saranno tante le gare a cui parteciperó, ed una di queste é andata in scena Domenica scorsa. La Mezza Maratona di Gorizia. Con un carico di km assurdo fatto nelle ultime settimane, addirittura due uscite da 34 km nel giro di 6 giorni, ginocchia doloranti e sedute defaticanti dell'ultima settimana incredibilmente dure, mi sono approcciato alla gara con l'unico intento di finirla, senza chiedere di piú al crono e senza alcuna pretattica perché le sensazioni degli ultimi giorni, in cui ho assunto anche antiinfiammatori, erano davvero negative. Ma che le cose potessero andare diversamente lo avevo capito sin dalla mattina presto quando Mauro, compagno di squadra e di allenamento, é passato a prendermi a casa per andare a Gorizia assieme. Quei 100/200 metri fatti a ritmo di footing per raggiungerlo mi hanno fatto tornare il sorriso. Niente dolori, il ritmo sará quello che sará, ma correró senza alcun fastidio. Arrivati a Gorizia, prima della foto di rito con il resto della squadra, e dopo essersi preparati, aver ritirato il pettorale, depositato la borsa e fatto gli scongiuri per il tempo in perenne equilibrio tra pioggia e sole, spostato piú verso la pioggia in veritá, un po' di riscaldamento che mi ha decisamente risollevato. Sto bene. Finalmente. E poi ho la testa sgombra, non ho alcuna ossessione di tipo cronometrico, non sono nemmeno teso sulla linea di partenza come spesso, quasi sempre, accade. Sono tranquillo, riesco a scherzare con qualche compagno di squadra, salutare un collega. Insomma piú un clima da sagra che da gara. E resto quasi sorpreso anche dallo sparo che dá il via alle ostilitá. La partenza da Corso Verdi come sempre. Parto quasi davanti quindi non ho il solito traffico con conseguente perdita di tempo dei primi km. Non ci sono nemmeno molti atleti al via, circa 600. Arrivo al primo km in via Brigata Casale a 4.16. Sono partito come un razzo, a questo ritmo schiatteró dopo 10 km. Meglio rallentare, ma sono fuori fase e non riesco a trovare quello ideale, perché in fin dei conti, non ho un vero e proprio ritmo ideale quindi i successivi li faccio a 4.35, 4.34, 4.33 e 4.39. Sento che questo sará un grande giorno. Dopo via Leopardi e via Italico Brass si torna poco dopo il terzo km su corso Verdi e conseguentemente sulla linea di partenza che si rivarcherá nuovamente verso il km 20. La corsa prosegue su Corso Italia quasi fino alla Stazione. Al terzo km e mezzo si vedono nel controviale giá gli atleti di testa al ristoro del km 5. Mamma mia quanto corrono!! La corsa é giá un lunghissimo serpentone, in attesa di spezzarsi in piccoli tronconi. Al ristoro del km 5 prendo un bicchiere d'acqua al volo, giusto per bagnarmi le labbra. Piú avanti, circa al km 7, si entra in Slovenia attraverso il Valico di San Pietro e piú avanti nel piccolo centro abitato di Sempeter.
Assumo un gel al km 9. Dovrebbe bastare. Cerco qualche compagno di squadra, non riesco a trovare nessuno, non so se sono davanti né se sono dietro. Non so nemmeno dove si trovi Mauro che dovrebbe essere partito per mantenere un ritmo simile al mio. Lo ritroveró all'ultimo km. Passaggio al km 10, 45.17. Ottimo. Ci sono dei tratti abbastanza impegnativi, saliscendi continui, rompono un po' il ritmo ed appesantiscono le gambe ed infatti nonostante il 4.43 del km 13, mio lap tartaruga della gara, passo l'ora di gara avendo percorso giá oltre 13km. Fino a qualche tempo fa il fatto che mancassero 8 km all'arrivo mi avrebbe gettato nello sconforto, adesso la testa ragiona con numeri piú grandi ed infatti mancano SOLO 8 km. Comincio a fare qualche calcolo mentale ma é ancora presto per poter prevedere un miglioramento del mio record personale di 1.38.37. Si percorre la ciclabile che porta a Salcano. Bello il paesaggio. Finalmente scorgo un compagno di squadra. É Gabriele. Un ottimo punto di riferimento. Lo raggiungo circa al ristoro del km 15. Mi ripassa piú avanti e quasi come una sorta di elastico lo risorpasso. Nel frattempo si rientra in Italia da via degli Scogli, gli ultimi km sono stati fatti quasi tutti alla media di 4.37/4.38. Il percorso offre finalmente la possibilitá di tagliare qualche curva e la cosa mi permette di recuperare tempo prezioso e metri preziosi. Aumenta la consapevolezza che questa gara sará da incorniciare con un bel PB, e aumenta proporzionalmente il mio ritmo. Nel frattempo alle mie spalle rinviene nuovamente Gabriele, preziosissimo in questo momento dove potrei facilmente andare fuori giri. Le gambe tengono, ma Gabriele aumenta il ritmo per lo sprint che é praticamente iniziato a 2 km dall'arrivo. Sono certo di non riuscire a tenerlo tutto questo tempo, quindi sul pavé di Corso Verdi da dove la gara é partita rallento, ma non eccessivamente tanto da fare il km 20 a 4.28. Ora é il momento di accelerare. Gabriele é lí davanti e una volta svoltato in via Diaz scorgo un'altra casacca in lontananza della Fincantieri, dall'andatura credo sia Mauro, ma in questo momento sono a tutta e non riesco a definire parecchie cose. Non esiste crono, sono quasi in una dimensione extracorporea, sento che Mauro dice qualcosa mentre lo passo quasi sul rettilineo finale e con lui Gabriele, ma io non sono in grado piú di percepire alcun rumore, passo un altro atleta prima dell'arrivo e varcato il traguardo non ho nemmeno la forza di alzare le braccia al cielo
e di spegnere il Garmin che prosegue il conteggio dei secondi ancora per qualche istante, il tempo di prendere la medaglia e realizzare che é nuovo primato personale con 1.35.35, con un ultimo km a 4.16. Miglioramento di oltre tre minuti, e consapevolezza, una volta di piú, di essere sulla strada giusta per Roma e su quella piú grande per la realizzazione del sogno di una vita. Alla prossima.

domenica 11 dicembre 2016

20 Novembre 2016 - Mezza Maratona di Palmanova

Della Mezza di Palmanova si é detto sempre tutto il bene e tutto il male. I miei giudizi sono stati molto critici nell'edizione precedente, l'unica a cui ho partecipato. Senza quindi aspettarmi né piú né meno di quanto giá avuto modo di saggiare in passato in questa gara, quest'anno avevo da chiedere solo una cosa. Il primato personale. Le ultime settimane post-maratona di Monaco sono state dure, dense di allenamenti, con un solo scopo, dare tutto nell'ultima gara stagionale prima di una lunghissima sosta, in cui cercheró di ritemprarmi un po', lasciando da parte il cronometro per godermi qualche uscita col solo gusto di correre e tornare piú agguerrito che mai i primi di Marzo con la maratonina di Gorizia. Il meteo, é il caso di dirlo, é stato davvero clemente se guardiamo indietro soltanto di qualche ora. Sabato nella Bassa Friulana si é abbattuto un autentico nubifragio durato parecchie ore, tanto da mettere in discussione la gara stessa di Domenica. Buona parte del tracciato é in campagna. Si attraversano soltanto due centri abitati (Trivignano Udinese e Clauiano, quest'ultimo inserito tra i Borghi piú belli d'Italia) e se ne lambisce un terzo (Santa Maria la Longa) oltre a Palmanova dove la gara inizia e termina. Caratteristica, unica nel suo genere, la doppia partenza, con la scelta da parte degli atleti di poter uscire da Palmanova da Porta Udine o da Porta Cividale, per poi incontrarsi verso il secondo km. Il meteo peró é stato anche maledetto. Ci arriveremo. L'appuntamento sotto casa con Mauro, compagno di squadra, é saltato Sabato sera per impegni personali che lo hanno obbligato, suo malgrado, a rinunciare alla gara. Cosí Domenica, in assoluta tranquillitá, alle 8.30 sono giá a Palmanova. Alle 9 incontro con gli altri Iscritti della Societá, scambio di battute, foto di gruppo e cambio al volo per iniziare il riscaldamento. Mi trovo poco dopo con un collega sotto la Loggia. Per la prima volta abbiamo tempi similari, lui piú lenti del solito, io leggermente piú veloci. Decidiamo di partire assieme, poi la gara dirá che direzione prendere. Effettuiamo il riscaldamento e ci inquadriamo abbastanza nelle retrovie quasi all'ultimo minuto. Scegliamo Porta Udine, come lo scorso anno. La partenza, con oltre 3500 iscritti, non puó che essere difficoltosa. Parto a tutta. Se voglio stabilire il mio record, la gara dovrá essere veloce, fin dalle prime battute. Il primo km lo passo a 4.33, tempo che riesco a confermare nonostante il muro di atleti davanti e zigzag nello sterrato infangato, anche nei successivi 8. Quasi come un orologio svizzero il ritmo non scende mai sotto i 4.40 al km. Il primo rallentamento arriva verso il km 11, complice un ingorgo in zona ristoro, l' assunzione di un gel e un autentico muro dei pacer dell'1.40. Ho dovuto quasi abbattere un ragazzo affiancato a loro per chiedere strada. Indubbiamente, ad ulteriore riprova di quanto giá pensato e detto in altre circostanze, correre in un percorso del genere con altre tremila persone non é proprio il massimo. Verso il km 13 riprendo il ritmo iniziale. Ormai abbiamo raggiunto il punto piú lontano dalla partenza e si comincia a tornare verso Palmanova. Si passa Trivignano Udinese tra il km 14 ed il 15 e si comincia a sentire anche un po' di tifo. Ancora sotto i 4.40 al km al km 16 dove si attraversa il meraviglioso borgo di Clauiano, non a caso inserito tra i Borghi piú belli d'Italia. Qui il tifo é sensibilmente maggiore. Anche un po' di musica e majorettes ad accompagnare corridori sempre piú stanchi. Dicevamo del meteo. Maledetto. Bastardo. Il pallido sole uscito ha creato una cappa di umido incredibile. Complice la stanchezza dei km accumulati finora, le gambe a centinaia di atleti, chi prima, chi dopo, hanno ceduto. Sorpasso qualche atleta della mia societá, ormai alla canna del gas. Ed io sono lí, sul ciglio del burrone. Ho una voce nella testa che continua a ripetermi che devo fermarmi. Conosco bene quella voce, é la stessa che nelle due maratone fatte diceva le medesime cose dopo 30 km di sofferenza. E forse l'avrei anche ascoltata se non avessi tratto nuovo vigore e forza dal crono. Il km 18 é assolutamente fuori media, 4.51. Oramai si tratta solo di stringere i denti e, se possibile, mantenere questo nuovo ritmo, piú comodo, fino alla fine, per non vanificare quanto di buono fatto all'inizio. Il km 19 a 4.44 e il 20 a 4.42 danno la consapevolezza di avercela fatta. Oramai é solo una passerella perché forza per sprintare non ce n'é piú. Non ho la forza di parlare né di bere. Poco prima ho preso un bicchiere d'acqua all'ultimo ristoro, ma sono riuscito solo a bagnarmi le labbra. Mancano circa 600 metri all'arrivo quando si comincia a scorgere Porta Cividale. Il cervello si riattiva giusto in tempo per godere di uno splendido rettilineo dove si trovano assiepate tantissime persone, impossibile quantificarle. Un arrivo da grande corsa. Riesco a sentire Roberto urlare il mio nome, ma a stento riesco a trovarlo. Davanti a me pochi metri ancora, sento ansimare una ragazza alle mie spalle che ha iniziato un lunghissimo sprint. Ingaggio con lei questo inutile duello riuscendo a starle davanti per un soffio spostandomi rapidamente sul crono che dá il risultato sperato. Nuovo PB a 1.38.37 confermato dopo la corsa dal Real Time. Ritiro la medaglia e stanco come non accadeva da tempo immemore rientro a casa. Mezza maratona di Palmanova, tutto il bene e tutto il male di una corsa comunque imperdibile. Alla prossima.

giovedì 13 ottobre 2016

9 Ottobre 2016 - Maratona di Monaco

La Maratona di Monaco é iniziata molto prima di questo 9 Ottobre 2016. Era Maggio 2015, qualche giorno prima della Bavisela, Mezza Maratona di Trieste. Nel primo incontro con Flavio, conosciuto su Running Forum e futuro compagno di squadra alla Fincantieri Atletica, si sono gettate le basi per quella che sarebbe stata la mia prima Maratona. Ma una serie di circostanze propizie vollero che il mio esordio sulla distanza fosse a Marzo di quest'anno nella Unesco Cities Marathon, ma questo senza ovviamente nulla togliere all'entusiasmo per questo evento. Nei giorni precedenti la gara abbiamo vissuto assieme al simpatico Diego, altro ragazzo del forum con cui Flavio aveva preso contatti, e all'esordio sulla distanza, un po' di tipica atmosfera Bavarese, facendo molto poco gli atleti e parecchio i turisti.
Ma la gara é oggi. Ci arrivo avendo fatto soltanto un lunghissimo di 33 km peraltro terminato quasi strisciando e uno da 27km. Davvero pochino per poter sperare in qualcosa di buono. Conscio di questo, decido di affrontare questi lunghissimi 42 km un po' allegramente, portandomi dietro lo smartphone per fare foto e video, cosa mai fatta in precedenza. La sveglia é alle 7, ma alle 6.30 sono giá in piedi. La partenza avverrá in blocchi, distanziati di 5 minuti l'uno dall'altro. Io sono nel Blocco C, ore 10.10. Dopo colazione finisco di prepararmi decidendo finalmente quale abbigliamento avrei indossato. Maglietta a maniche corte a compressione e manicotti.
Fa freddo qui a Monaco, piú freddo che da noi, e stamattina c'é pure la nebbia. Ma voglio essere ottimista e tenermi aperta la possibilitá di togliere i manicotti qualora uscisse il sole. E il sole, in effetti, verso le 9, fa capolino tra le nuvole, quando, con la Metropolitana, raggiungo il punto di incontro con Flavio e Diego, nei pressi della partenza. Condividere e stemperare con loro la logica tensione prima della partenza é davvero salutare. Lo start é nei pressi del mitico Olympiastadion, teatro di grandi eventi sportivi, al cui interno é fissato anche l'arrivo. Il ricordo, poi, di quanto accaduto nelle Olimpiadi del 1972, con la strage degli atleti israeliani nel villaggio olimpico, dá un che di speciale a questo luogo che di quelle Olimpiadi é il simbolo. Il deposito borse é forse la cosa meno tedesca di tutta l'organizzazione con le sacche adagiate a terra in apparente disordine ma che poi scopriremo essere state meticolosamente allineate in ordine crescente di numero. Gli spogliatoi, ricavati con dei separé sotto la tettoia esterna dello stadio, assolvono alla loro funzione. Ridendo e scherzando mancano 20 minuti all'inizio della gara. Ormai pronti, ci dirigiamo verso la partenza corricchiando il tanto che servirá per poter effettuare un po' di stretching non a freddo. Il blocco A con gli atleti piú forti é giá lí. Musica rock su cui spicca Mammagamma degli Alan Parson Project riempie il cielo ed ogni spazio lasciato libero dagli oltre 6000 atleti. Ore 10, partenza del blocco A. Mancano ora 5 minuti a quella di Flavio, che ci saluta ed entra nel gate di accesso al suo blocco, e 10 alla mia e a quella di Diego. Nel frattempo tutto trafelato arriva alle nostre spalle un corridore che non si é accorto della partenza del Blocco A. Quel corridore é Merne Solomon, arriverá terzo a 33 secondi dal vincitore. Anche il blocco B é partito, tocca a noi. Fünf, Vier, Drei, Zwei, Ein. Buuum. Si parte. Diego scappa subito via, ci rivedremo in birreria la sera. Io, ora, sono solo, accompagnato dai passi di centinaia di altri atleti sconosciuti provenienti da ogni parte del mondo. Vedo magliette della Spagna, dell' Islanda, della Francia, di tante societá italiane. Sembra un piccolo campionato del mondo. La parte iniziale é in leggera discesa, si passa Coubertinplatz, Ackermannstrasse ed Elisabethstrasse, che si percorrerá in senso contrario prima dell'arrivo. Mi accorgo che il ritmo di 5.30 al km é decisamente troppo veloce per me al primo km, soprattutto perché non ho effettuato praticamente riscaldamento. Decido cosí di rallentare per portarmi ad una andatura piú "comoda". Verso il km 6 dopo Giselastrasse si comincia a costeggiare l' Englischer Garten, enorme polmone verde della cittá. Lo lasceremo al km 16. La partecipazione popolare é incredibile. Tutti incitano con le Manine Clapper, fanno un casino incredibile, ti chiamano per nome dopo averlo letto sul pettorale. In un tale contesto lasciarsi trasportare é un attimo. É cosí che inizio la mia corsa nella corsa. Estraendo dal marsupio lo smartphone comincio a filmare attimi indelebili che sono giá scolpiti nel mio cuore. É un crescendo forse meno epico della mia prima esperienza su questa distanza anche se il tempo alla mezza maratona é piú o meno quello, circa 2 ore. I ristori sono ovunque, oltre a quelli ufficiali puó capitare di imbatterti in banchetti improvvisati da tifosi. E c'é di tutto, dalla semplice acqua, agli integratori, ai gel, alle banane. Tutto cosí maledettamente ordinato, tutto cosí.....tedesco. Tutto sommato le cose piú belle turisticamente parlando sono nella parte finale del percorso, quando la Maratona comincia ad entrare nel vivo, quando comincia a chiedere al tuo fisico quel qualcosa in piú che devi tirare fuori. Da Rosenheimer Strasse si arriva alla Ostbanhof e poi davanti al Deutsches Museum al km 28. Sto ancora molto bene anche se le gambe cominciano ad appesantirsi un po'. Al km 30 passo dopo 2h 52min. Ho ancora su i manicotti nonostante a sprazzi il sole scaldi un po'. Ora siamo proprio in centro. I piú bei monumenti di Monaco sono qui, si passa la Sendlinger Tor, una delle vecchie porte medioevali della cittá e la stupenda Marienplatz dove trovo ad attendermi mia moglie e dove lo speaker urla nel microfono a gran voce il mio nome, un saluto piú che fugace ma che dá nuove energie ad un corpo che lentamente sta accusando i km. Il giro turistico in un susseguirsi di istantanee e cartoline regala i passaggi dall'Hofgarten e da Karolinenplatz. Ed é poco piú avanti all'altezza del km 35 che comincia a farmi male il ginocchio sinistro, sempre quello, oltre ad un fastidio continuo al collo del piede destro, causato probabilmente da una stringa tirata troppo sul chip di cronometraggio. Decido di camminare un po' anche perché, a pensarci, non manca molto, sono solo 7 km. Eh sí, ma 7 km a questo ritmo diventano un calvario. All'altezza dell'Universitat dopo il km 36 ricomincio a correre fino a Leopoldstrasse dove devo fermarmi di nuovo a causa del solito dolore al ginocchio. Nel frattempo incrocio camminando credo la postazione dell'intertempo del km 37,5. C'é un gruppo di ragazzi che balla su musica dance. Uno viene verso di me, mi incita a correre, ma come glielo spiego che mi fa male la gamba e che se potessi correrei volentieri? Ma niente, inizia ad accompagnarmi, prima 5 metri, 10, 50, gli metto un braccio attorno al collo ridendo e lui attorno al mio inizia a scandire i passi di corsa al ritmo dei tamburi di una delle decine di bande che si sono date il cambio lungo il percorso, ora sempre piú lontani. Mi ritrovo a correre nuovamente. Km 38. La Franz Joseph Strasse é una delle strade percorse in senso contrario all'inizio della gara. Comincio ad assaporare qualcosa di magico.
Ormai l'alternanza passo-corsa é una costante. Non riesco piú ad essere regolare. Cerco di trovare in ogni angolo del mio corpo quel briciolo di energia che mi porti un po' piú in lá. Ora é lí, lo stadio. É indubbiamente magico. Ed é magico perché adesso corro, non cammino piú. Manca circa un kilometro e mezzo. La gente assiepata ai lati della strada é piú rumorosa che mai. Musica ovunque. Un curvone immette in un sottopassaggio buio illuminato solo da luci strobo con musica rock al massimo volume, sembra di correre in una discoteca. Si entra nello stadio, nell' Olympiastadion. Le gradinate sono per lo piú vuote ma sembrano esserci 70000 spettatori. Nel tempio di Frank Shorter, vincitore della medaglia d'oro alle Olimpiadi del 1972, quando io avevo soltanto un anno, un profano a calcare quella pista. Incrocio mille sguardi, mille volti. 200 metri. Dall'altra parte della pista vedo lo striscione. Il Garmin mi dá comunque primato sulla maratona visto che siamo a 42,300. 100 metri, alzo le braccia al cielo. Ho un nodo in gola e brividi ovunque. Alla fine é 4h 13m 05s. Siegerlächeln.

giovedì 22 settembre 2016

18 settembre 2016 - Mezza Maratona di Udine

Torno a scrivere finalmente di corsa dopo un periodo denso di allenamenti e di competizioni su distanze brevi. L'estate é passata in fretta, come sempre troppo in fretta. Due settimane fa Bibione ha ospitato una bellissima gara sulla distanza di 10 miglia, poco oltre 16 km, che ha provato piú del dovuto gli oltre 500 iscritti, tra cui il sottoscritto, con un clima caldo e umido, alla fine vero vincitore della competizione. Non posso che ritenermi soddisfatto, viste le condizioni, dell' 1.17.52 finale,
ma oggi é diverso. Oggi si corre la Mezza Maratona di Udine, percorso rinnovato con la partenza da Cividale, clima piú autunnale che tardo estivo e parecchi km in piú nelle gambe nonostante i soli 14 giorni passati dalla gara precedente. Come forse si ricorderá siamo ormai agli sgoccioli della preparazione alla Maratona di Monaco del 9 ottobre, onestamente, non una gran bella preparazione. Pochissimi lunghi fatti, e siccome la maratona non si improvvisa, é lecito non aspettarsi, almeno in questa occasione, grandi cose. Ci limiteremo a fare i turisti sperando in una buona giornata. Quindi questa mezza maratona é, come quasi sempre accade durante la preparazione alla gara regina, un po' come il banco di prova per verificare lo stato fisico attuale in vista di tale appuntamento. Il ritrovo é fuori dal cancello di casa mia dove piú puntuali che mai Piero e Mauro sono ad attendermi alle 7. La partenza é alle 10 ma la logistica consiglia l'arrivo entro le 8 in Stazione a Udine da dove partiranno i treni per Cividale sui quali avranno libero accesso gli appartenenti alle varie Societá Sportive. Il tempo negli ultimi giorni é stato molto variabile tendente piú alla pioggia che al sole ed oggi non fa eccezione. Ma almeno al momento non piove. Chi corre sa che la pioggia, quando la gara é giá iniziata, ha una importanza relativa, ma l'attesa prima dello start affrontata sotto l'acqua l'importanza ce l'ha....eccome. Sono quasi le 9 quando il treno sul quale abbiamo viaggiato arriva alla stazione di Cividale. Il breve tragitto é stato di aiuto per cambiarsi e preparare le ultime cose prima di consegnare le borse all'organizzazione.
Un'organizzazione che nel complesso mi sarei alla fine sentito di elogiare per gli sforzi fatti se non avessi constatato, come altri, all'arrivo, la totale incuria nella custodia delle suddette borse, lasciate per terra, nei tendoni delle docce all'arrivo, completamente infradiciate dai tombini rigurgitanti acqua piovana, venuta giú a secchi nell'ultima parte di gara. Eh giá, perché poi, alla fine, ha piovuto. Eccome. Lo start é precisissimo. Ore 10. I primi 4 km sono tutti dentro Cividale, si attraversa lo scenografico Ponte del Diavolo ed anche se il primo km é abbastanza lento, complice il solito ingorgo alla partenza causato da corridori piú lenti davanti, a 4.54, i successivi sono molto piú incoraggianti 4.38 e 4.35. Il percorso, che avevo giudicato veloce ma noioso sulla carta, si rivela invece molto piacevole. Strade larghe, dritte, pochissimi cambi di direzione e panorama verdeggiante e quasi rilassante. Gli ingredienti per poter fare bene ci sono tutti. Percorrendo per buona parte del percorso la SS54 si attraversano soltanto due centri abitati prima di Udine. Moimacco verso il km 7 e Remanzacco verso il km 12. Ció che piú ha fatto piacere é stato vedere l'inaspettata partecipazione popolare. Il tempo inclemente non ha impedito a molte persone di essere presenti ad incitare lungo il percorso, principalmente nei pressi dei due paesini citati. Purtroppo quanto di bello vissuto nella prima parte di gara era costantemente minacciato dalla visione all'orizzonte di un cielo plumbeo che nulla di buono lasciava presagire. Veniva quasi da correre piú forte per fare in modo che la corsa finisse il prima possibile. Ma bisogna dosarsi. Dopo 1h ho percorso 12,7 km. Sta andando tutto in modo perfetto quando le prime gocce di pioggia fanno capolino. All'inizio sono solo piccoli spruzzi. Non ci si bada nemmeno. Verso il km 15 appena superato il fiume Torre e constatato il miglior tempo sulla distanza mai fatto finora decido che é il momento di rompere gli indugi, assumo un gel prima del penultimo ristoro e mi lancio alla rincorsa di un risultato assolutamente insperato, poter migliorare il primato personale sulla mezza. La pioggia peró, a questo punto, diventa diluvio. Verso il km 16 ho giá la casacca inzuppata ed é come portarsi dietro uno zainetto in piú. Le scarpe sono fradicie cosí come le calze, una sensazione davvero strana e parecchio fastidiosa. Un cavalcavia che sembra eterno lancia verso l'ingresso di Udine e ne risente cosí anche il ritmo che cala a 4.48. La pioggia non molla un secondo, mi consola che in questa seconda parte continuo a superare altri atleti, e adesso a meno 3 dall'arrivo decido di dare tutto. Non sono minimamente stanco, le gambe, notevolmente appesantite piú dall'acqua che dalla fatica, girano che é un piacere, cosí riesco senza troppi problemi ad aumentare il ritmo, 4.37 il km 19, 4.34 il 20. La pioggia ormai é ovunque. Non riesco nemmeno a vedere. Sento il pavé sotto i piedi ma non riesco a focalizzare dove mi trovo. So solo che manca 1 km perché il Garmin, prova subacquea superata, é lí a scandire ogni mio passo. Sono in linea per fare il personale, ma anche l'ultimo km dovrá essere veloce e poi bisognerá attendere il gioco Gun time, Real time che era durato, in occasione del mio Personale precedente a Trieste, addirittura 24 ore. E allora comincio a mulinare le gambe con ritmo sempre maggiore, il crono non lo guardo piú, mi aiuta un corridore che mi sorpassa ad una velocitá siderale, mi accodo a lui ed inizio uno sprint lunghissimo. Assieme a lui ne passiamo due, tre, poi, a 200 m dalla linea del traguardo riesco a ripassarlo facendo ricorso a tutte le energie residue e concludo questa ennesima fatica con un ultimo km corso attorno ai 4.15. Il tanto sospirato tempo di gara, Real Time, arriverá nel tardo pomeriggio. 1.39.43 nuovo primato personale migliorato di 6 secondi, ma in un percorso misurato al polso di quasi 200 metri piú lungo ed in condizioni, almeno nel finale, proibitive. Con grande entusiasmo e rinnovato ottimismo in rampa di lancio per la mia seconda maratona.

mercoledì 6 luglio 2016

02 Luglio 2016 - Hochpustertal Run

Una bella gara con tante attività collaterali, su tutte la Loacker Kids, la corsa dei bambini, a cui ha partecipato mio figlio nelle ore immediatamente precedenti lo start della nostra. Già da mesi, col caro amico Piero e con mio fratello ci era balenata l’idea di mettere su una squadra che partecipasse alla Winwin, competizione che premia i team con la somma dei tempi di due componenti nella mezza maratona e di uno nella Classic Run da 12.1 km . Scelto anche il nome, The Marvels, non restava che correre con non poche speranze di poter arrivare sul podio visto che le iscrizioni negli anni passati a questa particolare gara non erano numerose. In verità anche le iscrizioni alle altre gare non contavano molti atleti, un centinaio nella mezza, 150 scarsi nella Classic Run, ma poter puntare addirittura al podio sembrava davvero una cosa fantascientifica. Nei giorni precedenti la gara avevo analizzato gli altri competitor, sbirciando sul sito delle iscrizioni, e se da un lato facevano eccezione quelli di una delle due squadre della Lucca Marathon, composta da gente che corre in 1.20 la mezza, gli altri erano tutti alla nostra portata. Correre una volta tanto non solo per se stessi ma anche per la squadra ha messo le ali un po’ a tutti. La gara parte da San Candido e termina a Sillian in Austria. Si corre tutti assieme, Halfmarathon e Classic, fino alle porte di Sillian dove il percorso si divide e prosegue fin oltre Heinfels e ritorno per la Halfmarathon mentre per la classic l’arrivo è dopo poche centinaia di metri. Buona parte del percorso si snoda sulla ciclabile che da San Candido arriva a Lienz, quasi interamente asfaltato e le condizioni per fare bene ci sono tutte visto anche il dislivello negativo, si parte da 1172m e si arriva a 1073. Dopo la gara di Cristian ognuno è rientrato nei propri hotel a prepararsi e l’appuntamento è per le 17 in centro a Sillian dove prenderemo la navetta per San Candido. Mio fratello raggiunge invece l’albergo solo venti minuti prima dell’appuntamento a causa di impegni lavorativi, e l’adrenalina in corpo sarà probabilmente la causa dell’errore di valutazione che lo costringerà a sbagliare strada al bivio tra la mezza e la classic e a lasciare per strada parecchi minuti. Piero dal canto suo sfodera la prestazione della vita stracciando il proprio personale e terminando la gara in uno strabiliante 1.33 e poi ci sono io. Ultimamente non sto benissimo, mi fa un po’ male il ginocchio, per questo mi riterrei soddisfatto se concludessi sotto l’1.45. Arriviamo in zona partenza alle 17,20 circa, giusto in tempo per scaldarci, e per scattarci un selfie che verrà immortalato a distanza dai fotografi dell’organizzazione ed inserito tra le immagini più belle di questa competizione, poi la partenza sotto uno stupendo sole riappropriatosi finalmente del posto che in questa stagione gli compete dopo che una mezza tempesta ci aveva spaventati nel pomeriggio. Parto forte tanto da passare il primo km a 4.25 ed i successivi attorno ai 4.40, in piena media per abbassare il mio primato personale sulla distanza, ma i continui saliscendi probabilmente hanno segnato alla lunga la mia gara. E pensare che dopo un’ora di corsa avevo già percorso quasi 13 km, 12,74 per la precisione, mai fatto prima e dopo 1h 15m avevo passato i 16km. Ma è subito dopo che si è spenta la luce. Un black out che mi ha costretto a dei tratti al passo nei successivi 4km. Constatato che il primato ormai era svanito ho pensato a minimizzare i danni e di certo non hanno aiutato i ristori lungo il percorso dotati solamente di acqua mentre avrei avuto un disperato bisogno di Sali minerali. Ma dell’organizzazione nulla posso dire, tantissimi bambini a porgerti i bicchieri dell’acqua, tantissimi ad incitarti, ad ogni bivio un addetto ad indicarti la strada. A livello personale però un conto in sospeso con questa gara che potremo tranquillamente saldare in futuro, ora c’è un’altra straordinaria partita da giocare, quella a squadre. Il mio risultato, comunque, non da cestinare affatto, ha fatto segnare 1.42.54, Piero come già detto ha concluso la sua fatica in 1.33.31 mentre mio fratello la sua 12 km in 1.14.46. Dopo aver fatto la doccia il ritrovo sotto al palco ha un sapore diverso da tutte le altre volte. Abbiamo addosso le maglie dei supereroi perché i Marvels sono loro, sono Superman, Batman ed Iron man ma questa volta hanno i nostri volti raggianti, sì perché in fondo lo sappiamo e lo sentiamo, siamo sul podio. Partono tutta una serie di calcoli mentali, Lucca Marathon ha mantenuto le previsioni e probabilmente ha vinto. Ma dopo ci siamo noi. Parte la lunghissima cerimonia di premiazione, come al solito la competizione a squadre è l’ultima. Si parte dalla 5a piazza, Asd Lucca Marathon 2 con 5.12.57, 4° posto per Super Running team 4.52.55, ma è al momento del pronunciamento del terzo classificato che ai piedi del palco prende vita il sogno, Trio Pacai 4.49.36. Siamo secondi. 4.31.11. E’ una sensazione incredibile questa prima volta su un palco. Lo speaker si lascia trascinare dal nostro entusiasmo e comincia ad urlare i nostri nomi mentre saliamo sul palco assaporando ogni passo ed è come salire in cielo. Ci viene consegnata la coppa e la scena è tutta per noi, non ha importanza quante squadre erano iscritte o quanto poco importante fosse la corsa. In quei 2 minuti abbiamo alzato al cielo la nostra coppa del Mondo e provato, almeno per quanto mi riguarda, una gioia e delle emozioni sicuramente irripetibili. Nemmeno la sconfitta della nazionale ai rigori a cui abbiamo assistito in un ristorante del centro riuscirà in seguito a scalfire la soddisfazione di quanto fatto. Alla prossima…

lunedì 6 giugno 2016

05 Giugno 2016 - Cortina Dobbiaco Run

La Cortina Dobbiaco Run per me è iniziata già da Giovedì 02 Giugno quando, arrivato con la famiglia al seguito, a Dobbiaco, per trascorrere una mini vacanza di 4 giorni, ho iniziato ad ammirare le meraviglie naturali della zona nelle varie escursioni fatte.
Ma la vera Cortina Dobbiaco Run è scattata con la sveglia delle 5.20 di Domenica 05 Giugno 2016 dopo una notte agitata e quasi insonne. Mi succede sempre quando devo entrare in territori inesplorati. In questo caso il territorio inesplorato è la corsa in montagna, sono le pendenze che, anche se non particolarmente impegnative, sono una novità pressochè assoluta per me. Inoltre ci sono gli allenamenti di qualità che ho fatto correndo su e giù per un cavalcavia, davvero poca cosa se confrontati ai 14 km di salita che mi attenderanno all’interno di una gara da 30 km, distanza percorsa solo 4 volte da quando corro. E’ con questi dubbi che esco alle 6.15 dall’appartamento preso in affitto nella bellissima frazione di Santa Maria, alle porte di Dobbiaco. Le navette fino a Cortina partono alle 6.40 dalla stazione ferroviaria di Dobbiaco che dista 3 km, a ridosso del centro nevralgico di tutte le attività correlate alla corsa, il vecchio Kulturzentrum Grand Hotel, dove il giorno prima ho ritirato il pacco gara e dove ho assistito ad una delle tante attività collaterali, la Kids Run, a cui ha partecipato mio figlio. Visto che di strada a piedi oggi ne farò parecchia prendo l’auto lasciando a moglie e figlio la gioia di farsi i 3 km a piedi per assistere all’arrivo verso mezzogiorno. Il meteo sembra aver dato una tregua dopo il nervosismo dei giorni scorsi, variazioni climatiche schizofreniche tipiche della montagna. Trovo parcheggio molto facilmente e alle 6.30 sono praticamente già davanti ai primi autobus. Ci sono pochissimi atleti ma proprio come una città che si sveglia lentamente il piazzale pian piano si riempie. Salgo sul primo pullman, non riesco a sedermi ma c’è abbastanza spazio anche stando in piedi. La navetta percorre al contrario gran parte del percorso di gara, mezz’ora in cui sentimenti diametralmente opposti si fanno largo. Quei 30 km sono lunghissimi, sembrano eterni però l’orgoglio di essere parte integrante di tutto questo, di essere uno dei 4500, la felicità di poter vivere da vicino lo spettacolo Dolomitico cancella ogni pensiero negativo. Si arriva a Cortina, allo “Stadio Olimpico del Ghiaccio”, per quel tocco di spirito a 5 cerchi che non può non conquistare. Siamo praticamente tra i primi ad arrivare sul posto. Ad accoglierci un tavolo con biscotti, acqua e tè caldo e tutte le tribune a disposizione per poter prepararsi al meglio. Col passare dei minuti anche il Palazzetto comincia a riempirsi. Lo speaker ripete almeno una trentina di volte di incanalarsi con attenzione nel box del colore del proprio pettorale (azzurro il mio, seconda partenza ore 9.35) pena la squalifica e fa specie vedere come poi alla fine qualcuno si sia comunque sbagliato ed in classifica si sia ritrovato tra gli ultimi vanificando la propria fatica. Alle 08.50 dopo aver espletato le formalità al Sebach, ritrovo nel piazzale antistante il Palazzetto. Non fa per niente freddo, indosso i manicotti ma li tolgo quasi subito. Dal palazzetto ci si incammina a piedi seguendo un’auto dell’organizzazione con lo speaker che spiega una volta di più le modalità di partenza. Nel frattempo foto, selfie e musica durante lo struscio di circa 1km e mezzo fino al luogo di partenza in corso Italia fanno tutto molto americano e devo dire non mi dispiace per niente anzi, mi fa entrare pian piano nel clima vero della gara. E poi lo sparo. All’inizio mantengo un’andatura molto prudente. I primi due km sulla ss51 li passo attorno ai 5.45/km ma la pendenza al momento è quasi impercettibile. Quello che invece mi spaventa letteralmente è la rampa in località Cademai che lancia sulla pista ciclabile che praticamente non abbandoneremo più fin quasi all’arrivo. Ed infatti il passaggio al km 3 mi fa tornare velocemente coi piedi per terra 6.03.
Da qui la salita è continua, siamo al 2/3 %, niente di che, ma è inesorabile. Non mi ero posto particolari obiettivi prima della partenza, stare sotto le 3 ore lo avrei ritenuto quanto meno accettabile non sapendo l’incidenza della salita sulle mie gambe nel prosieguo di gara. E 3 ore fanno una media di 6min/km. Se non avrò crisi ce la farò. In località Fiames il primo ristoro, km 5. Ci arrivo dopo circa 29 minuti. Bevo un po’ d’acqua e riprendo la “scalata”. Finora il dislivello è stato però praticamente nullo, si è passati dai 1211m di Cortina ai 1295m. Dal km 5 al km 10 invece, forse la parte più dura dell’intero percorso, ma anche tra le più suggestive. Il dislivello in questo caso è di quasi 200 m. Poco dopo Fiames si attraversa il ponte Felizon in località Podestagno su un dirupo a strapiombo molto scenografico. Anche mantenere il proprio ritmo è difficoltoso, la strada sterrata ma ben battuta è stretta e superare altri atleti più lenti è quasi un’impresa. Non raro assistere a scene di gente arrivare da dietro a tutta lanciarsi quasi nel bosco per superarti fuori pista. Curiose scene di atleti che camminavano già al km 4, gara lunga sarà la loro immagino. Poi una ragazza. Mi svernicia ad una velocità folle e poi me la ritrovo a camminare un km più avanti, la supero e di nuovo così credo almeno per 6/7 km. Immagino stesse applicando il metodo Galloway, lo conoscevo per la Maratona, curioso vederlo in una 30 km. Dopo il ponte Felizon il passaggio altrettanto suggestivo nella galleria di Pezovico, circa 200 metri quasi al buio dove inciampare nella gamba di chi ti precede o prendere un calcio nei polpacci da chi ti segue non è poi un evento così straordinario, e nella galleria di Podestagno, 76 metri, altrettanto particolare ma quanto meno più breve. Si giunge in località Ospitale,
1491 m di altitudine e decimo km, 58 minuti il tempo trascorso dalla partenza, secondo ristoro e primo vero coinvolgimento di pubblico. L’incitamento di tanti appassionati, i bambini che vogliono darti il “5”, sono benzina, non c’è che dire, e dopo aver bevuto ancora un po’, si continua a salire con rinnovato entusiasmo. La cima “Coppi”, se così la vogliamo chiamare, per mutuare un termine prettamente ciclistico è Cimabanche 1530 m, km 14. Se fino al km 13 avevo accettato di buon grado e pazientemente l’attesa della fine della salita, i 6 minuti impiegati per percorrere il km 14 sono stati vissuti molto nervosamente. Non so sinceramente se ne avrei sopportata altra. Una volta scollinato, si fa per dire, prendo uno dei due gel che precauzionalmente mi sono portato, approfittando del ristoro per un po’ d’acqua e di Sali minerali. Il km 15 a 5.03 e il km 16 a 5.17 mi ridanno l’entusiasmo che la salita aveva un po’ spento. Manca ancora molto, si attraversa località Carbonin da dove parte via Monte Piana che porta al lago di Misurina e alle favolose Tre Cime di Lavaredo che si scorgeranno per un breve momento dopo il Lago di Landro. Il meraviglioso Lago di Landro mi accompagna sul lato destro per un km abbondante, tra il 18 e il 19, mentre il secondo vero coinvolgimento popolare è lì a sospingermi, a sospingere tutti gli atleti verso l’ultimo terzo di gara. Il passaggio alla mezza è attorno alle 2h, più o meno lo stesso identico tempo fatto registrare nell’unica maratona fatta a Marzo.
Finora sta andando tutto alla grandissima, sto molto bene fisicamente, non accuso segni di stanchezza e la sensazione di poterla finire entro le 2h 50m mi dà una carica incredibile. Approfittando della lenta ma costante discesa continuo a recuperare parte di quanto perso in salita passando i km successivi più o meno attorno ai 5.15. Unica vera difficoltà prima del lago di Dobbiaco, alcuni sottopassi in ghiaia, veri spaccagambe dove ho sentito più di qualcuno inveire, per usare un termine “pulito”. Al km 25, poco dopo aver assunto il secondo gel mi fermo a bere qualche secondo in più del solito, all’ultimo ristoro. Innegabile, adesso, che faccia capolino un po’ di stanchezza. Ma mancano solo 5 km, sono passate 2h 20m. Mentalmente calcolo che mantenendo una media di 5.30 nella fase finale potrei finire sotto 2h 48m. Preso dall’entusiasmo passo il km 26 a 5m 09s e parecchi atleti che ora camminano.
È forse arrivato il muro per qualcuno di loro? Al km 27 fa capolino il lago di Dobbiaco, ennesima meraviglia di questa stupenda gara, io invece comincio ad avere un po’ di dolore al ginocchio sinistro, le forti sollecitazioni dei vari sottopassi hanno lasciato qualche strascico, ma oramai mancano solo 3 km e nulla può permettermi di rallentare. Km 28, le montagne attorno lasciano spazio ai primi caseggiati della cittadina di Dobbiaco, cambiano i colori. Adesso vorrei quasi rallentare per fare in modo che quello che sto sentendo in questo momento duri il più a lungo possibile ed invece mi trovo ad aumentare il ritmo, km 29, finita la pista ciclabile, aumento ancora, un lunghissimo sprint a 4.45, supero ancora qualche atleta, due curve che immettono nel bellissimo parco del Grand Hotel. Lì c’è l’arrivo, non lo vedo, lo sento, lo sento come sento le tantissime persone applaudire, incitare, poi scorgo lo striscione quando ho già imboccato il tratto in pavé coperto col tappeto blu. Con le braccia al cielo varco il traguardo
pervaso da brividi incredibili. Vinta un’altra sfida. Ritiro la medaglia ed il pacco viveri e mi dirigo al ritiro sacche. Riabbraccio la mia famiglia e con loro condivido la gioia di quest'altra avventura che mi ha regalato la corsa. Una organizzazione super, una gara fantastica che non dimenticherò mai e che vorrei già rifare domani. Un sogno di 30 km e di 2h 45m 16s da cui non voglio svegliarmi nemmeno adesso che ne sto scrivendo.